Stiamo aggiornando l'archivio, verrai rimandato al sito precedente.

Chiudi Prosegui

Biografia

A- A+ 

Tahar Ben Jelloun, poeta, narratore, drammaturgo, saggista e pubblicista, nasce a Fès (Marocco) nel 1944. Trascorre la sua adolescenza a Tangeri, dove frequenta il liceo francese, e compie gli studi di filosofia a Rabat.

Precoci sono sia la scoperta della vocazione poetica sia l’esordio letterario: nel 1968 pubblica il suo primo poema, L'aube des dalles, presso la rivista "Souffles", all’epoca importante laboratorio di scrittura dei giovani intellettuali marocchini.

Nel 1971 si trasferisce a Parigi, dove si specializza in Psichiatria sociale. Dalla sua tesi di dottorato sui problemi psicofisici dei lavoratori nordafricani in Francia trarrà in seguito materia per due libri: La réclusion solitaire (1976) e La plus haute des solitudes (1977).

Nel 1973 esce il suo primo romanzo, Harrouda, cui ne seguono altri che lo rivelano come interprete raffinato e sensibile dell’anima maghrebina. Tra questi, L'enfant de sable (1985), primo grande successo di pubblico e di critica, e La nuit sacrée (1987), che si aggiudica il prestigioso Prix Goncourt.

La sua produzione, vasta quanto varia – vi si alternano una vivida scrittura d’invenzione, un’opera poetica dalle suggestive accensioni liriche e una penetrante saggistica su temi sociali – ha nel tempo confermato Ben Jelloun come una delle voci più alte della letteratura contemporanea e come autorevole punto di riferimento per avvenimenti e problemi riguardanti la realtà arabo-islamica. Intensa anche la sua attività di pubblicista, che lo vede impegnato sulle maggiori testate internazionali.

Innumerevoli i riconoscimenti attribuiti all’autore. Per menzionarne solo alcuni: oltre al già citato Prix Goncourt, il Noureddine Aba, che premia l’insieme della sua opera; il Global Tolerance Award, conferitogli dall’allora Segretario Generale dell’ONU Kofi Annan; l’International IMPAC Dublin Literary Award; il Premio por la Paz - Associaciòn para las Naciones Unidas en España e molti premi di poesia, alcuni dei quali assegnatigli in Italia.

 

OPERE PUBBLICATE IN ITALIA

Creatura di sabbia - Einaudi
L'estrema solitudine - Milvia; Mondolibri; Bompiani
Moha il folle, Moha il saggio - Edizioni Lavoro; Einaudi; Feltrinelli
Notte fatale - Einaudi
Giorno di silenzio a Tangeri - Einaudi
Le pareti della solitudine - Einaudi
La preghiera dell'assente - Edizioni Lavoro
Dalle ceneri - Il Melangolo
Dove lo Stato non c'è. Racconti italiani - Einaudi
Harrouda - Zanzibar; Giunti
Ospitalità francese - Teoria; Bookever
Lo scrivano - Einaudi
A occhi bassi - Einaudi
Corrotto - Bompiani
L'amicizia - Einaudi
L'ultimo amore è sempre il primo? - Bompiani
Nadia - CDE; Bompiani
Lo specchio delle falene - Einaudi
Dove lo stato non c’è - Einaudi
Rachid. Il bambino teledipendente - Stoppani
Il razzismo spiegato a mia figlia - Bompiani
Stelle velate. Poesie (1966-1995) - Einaudi
L'albergo dei poveri - Mondolibri; Einaudi
La scuola o la scarpa - Bompiani
L'Islam spiegato ai nostri figli - Bompiani
Il libro del buio - Einaudi
L'hammam - Einaudi
Jenin. Un campo palestinese - Bompiani
La bella addormentata. Una fiaba d'autore per parlare di razzismo ai nostri figli - Fabbri
Amori stregati. Passione, amicizia, tradimento - Bompiani
L'amicizia e l'ombra del tradimento - Einaudi
Delacroix al Marocco - Franco Maria Ricci
Il labirinto dei sentimenti - Pironti
Mia madre, la mia bambina - Einaudi
L'ultimo amico - Bompiani
Non capisco il mondo arabo. Dialogo tra due adolescenti - Bompiani
Partire - Bompiani
L'ha ucciso lei - Einaudi
Amo inventare storie. Dialogo con Tahar Ben Jelloun, con Marco Alloni - ADV Publishing House, 2008
Doppio esilio. Poesie - Edizioni del Leone
La via di uno soltanto. Visita fantasma dell'atelier di Giacometti - Scheiwiller Marocco - Einaudi
L'uomo che amava troppo le donne - Bompiani
La rivoluzione dei gelsomini. Il risveglio della dignità araba - Bompiani
Incontro crudele - Gruppo Editoriale L'Espresso
Fuoco - Bompiani
L’ablazione - Bompiani

 

Sito dell'Autore >>

 

Sito della Casa Editrice >>