CLOSE

DEDICA FESTIVAL - P. IVA 01510360934

Biografia

A- A+ 

 Hisham Matar

 

Nato a New York nel 1970 da genitori libici trascorre la sua infanzia prima a Tripoli e poi al Cairo.

Nel 1986 si trasferisce a Londra dove completa gli studi superiori e consegue la laurea in architettura al Goldsmiths College.

Nel 2006 pubblica il suo primo romanzo In the country of men (traduzione italiana: Nessuno al mondo, 2006) che ottiene un grande riscontro di pubblico e di critica, viene selezionato per il Man Booker Prize e vince il Commonwealth Award per l'Europa e l'Asia del Sud (2007), il Royal Society of Literature Ondaatje (2007), il Premio Gregor von Rezzori (2007) e il Premio Internazionale Flaiano (2007). Nel 2011 esce Anatomy of a Disappearance (traduzione italiana: Anatomia di una scomparsa, 2011) e successivamente, nel 2016, The return. Fathers, sons and the land in between (traduzione italiana: Il ritorno. Padri, figli e la terra fra di loro, 2017) con il quale vince il prestigioso Premio Pulitzer, il PEN /Jean Stein Book Award, il Folio Prize.

E’ autore, assieme all’illustratore Gianluca Buttolo, del libro per ragazzi, Il libro di Dot (2017).

I sui lavori sono tradotti in trenta lingue.

Matar collabora con diversi quotidiani e periodici internazionali tra i quali The New York TimesThe TimesThe GuardianThe Independent, Asharq al-Awsat, Internazionale, The New Yorker.

Attualmente vive a Londra e insegna Pratica professionale in letteratura comparata, Culture asiatiche e mediorientali e Inglese presso il Barnard College / Columbia University negli Stati Uniti.

 

BIBLIOGRAFIA

Nessuno al mondo
traduzione di Andrea Sirotti
Torino, Einaudi, 2008

Anatomia di una scomparsa
traduzione di Monica Pareschi
Torino, Einaudi, 2013

Il ritorno. Padri, figli e la terra fra di loro
traduzione di Anna Nadotti
Torino, Einaudi, 2017

Il libro di Dot
Illustrazioni di Gianluca Buttolo
traduzione di Anna Nadotti e Gianluca Buttolo
Milano, ReNoir Comics, 2017


La foto di questa pagina e quelle in Home Page sono di Basso Cannarsa.

Hisham Matar su Wikipedia

Hisham Matar su Facebook