SELECT `contenuti`.`titolo`, `contenuti`.`testo`, `contenuti`.`creato_il`, `contenuti`.`allegato`, `categorie`.`alias` AS aliasCat FROM `contenuti` LEFT JOIN `categorie` ON `contenuti`.`id_categoria` = `categorie`.`id` WHERE `categorie`.`alias` = 'libri' AND `contenuti`.`alias` = 'dedica-a-amos-oz' AND `contenuti`.`attivo` = '1' AND `contenuti`.`id_lingua` = '1'

I Libri Di Dedica

CLOSE

DEDICA FESTIVAL - P. IVA 01510360934

Dedica a Amos Oz Back >>

ESAURITE LE COPIE IN VENDITA SU QUESTO SITO, LA MONOGRAFIA PUO' ESSERE CONSULTATA O PRESA IN PRESTITO PRESSO LA BIBLIOTECA CIVICA DI PORDENONE.

Nel mio mondo la parola compromesso è sinonimo di vita. E dove c'è vita ci sono compromessi. Il contrario di compromesso non è integrità e nemmeno idealismo e nemmeno determinazione o devozione. Il contrario di compromesso è fanatismo, morte.

Si apre con il saggio-intervista "Il piacere di leggere, la fatica di scrivere" la monografia "Dedica a Amos Oz", a cura di Elena Loewenthal: in tale intervista, la curatrice descrive il mondo di Oz, e attraverso la biografia dello scrittore propone un senso di lettura delle sue opere. Se attualmente il deserto presso il quale vive, caratterizza la "geografia" dello scrittore, è attraverso una serie di esperienze diverse che si forma il carattere dell'uomo e la sua ispirazione letteraria. Gerusalemme è il luogo dove Oz è nato, ma poi sarà nel kibbutz di Hulda che egli crescerà dopo la perdita della madre; tuttavia tutta la sua vita risentirà di quelle radici "europee" che sono alla base della famiglia. Per quanto attiene allo scrivere, Oz si definisce "scrittore militante", passato attraverso tante esperienze, personali, sociali e politiche in uno Stato, Israele, in una terra, la Palestina, e fra due popoli, israeliano e palestinese, che in questi decenni non sono mai riusciti a trovare un modo per convivere in pace.
A questo proposito è Oz stesso nel saggio che segue a proporre "Una cultura della mediazione", considerata unica strada per superare i contrasti e l'eterno stato di belligeranza tra i due popoli. Quella della "mediazione" – secondo Oz – è una caratteristica della cultura ebraica e su di essa bisogna insistere per un futuro diverso.
Gli apparati bio-bibliografici concludono la monografia.

a cura di Elena Loewenthal
Pordenone, 2007
(pp. 100, foto b/n, € 5,00)