SELECT `contenuti`.`titolo`, `contenuti`.`testo`, `contenuti`.`creato_il`, `contenuti`.`allegato`, `categorie`.`alias` AS aliasCat FROM `contenuti` LEFT JOIN `categorie` ON `contenuti`.`id_categoria` = `categorie`.`id` WHERE `categorie`.`alias` = 'news' AND `contenuti`.`alias` = 'dedica-incontra-malalai-joya-2' AND `contenuti`.`attivo` = '1' AND `contenuti`.`id_lingua` = '1'

News

CLOSE

DEDICA FESTIVAL - P. IVA 01510360934

18.03.2018
Dedica Incontra: Malalai Joya Back >>

Mercoledì 21 marzo 2018 - Dedica Festival Incontra...
MALALAI JOYA
"Il rumore della speranza"
conversazione condotta da Giuliano Battiston

Auditorium della Regione Friuli Venezia Giulia
PORDENONE - via Roma 2 - h20.45

INGRESSO LIBERO


MODALITÀ D'INGRESSO
Per regolare l'accesso in sala saranno distribuiti al pubblico dei coupon (non numerati) da ritirare il giorno stesso dell'evento (21 marzo) dalle ore 19.30 all'ingresso dell'Auditorium, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

I SOCI SOSTENITORI in possesso di DEDICACARD interessati a partecipare sono pregati di contattare entro martedì 20 marzo gli uffici di Thesis-Dedicafestival: tel. 0434 26236 - info@dedicafestival.it

Il festival continua con Malalai Joya, attivista afgana diventata un simbolo mondiale della lotta per i diritti delle donne. Salì agli onori delle cronache nel 2003, quando come delegata dell’Assemblea del Popolo pronunciò un discorso con il quale osò apertamente sfidare i signori della guerra. La sua voce e il suo coraggio fecero il giro del mondo e da allora vive sotto scorta, viaggiando per le province dell’Afghanistan e parlando alle conferenze di mezzo mondo, ottenendo premi e onorificenze internazionali.
Dopo l'incontro di Pordenone, moderato dal giornalista Giuliano Battiston, Malalai Joya sarà a Udine giovedì 22 marzo per Calendidonna, in collaborazione con Vicino/Lontano (per info: www.vicinolontano.it.

 

Malalai Joya
Politica e attivista afgana, è nata nella provincia di Farah in Afghanistan. Dopo l’invasione sovietica si rifugia con la famiglia in un campo profughi in Iran e più tardi in Pakistan. Nel 1998 rientra in Afghanistan, che nel frattempo è passato sotto il regime dei talebani, ed inizia a lavorare come attivista per i diritti umani e delle donne. Nel 2003 diviene membro del Parlamento dove si distingue per le sue prese di posizione contro la presenza nell’Assemblea di persone definite come “signori e criminali di guerra”. Sospesa dalle sue funzioni, viene reintegrata e, nel 2007, allontanata in modo definitivo. Da allora ha subito numerose minacce di morte e deve vivere sotto scorta. Per il suo coraggioso impegno ha ricevuto numerose onorificenze e importanti riconoscimenti internazionali. Nel 2010 ha pubblicato insieme al giornalista Derrick O’Kneefe il libro Finché avrò voce. La mia lotta contro i signori della guerra e l’oppressione delle donne afgane.

Giuliano Battiston
È giornalista e ricercatore freelance, socio dell’associazione indipendente di giornalisti “Lettera22”. Scrive per quotidiani e periodici tra cui “L’Espresso”, “Il manifesto”, “pagina 99”, "Lo straniero”, “Ispi”. Ha pubblicato Arcipelago Jihad. Lo stato islamico e il ritorno di al-Qaeda (2016), Stato islamico. La vera storia (2016), Europa liquida. Conversazione con Zygmunt Bauman (2013), Un’altra globalizzazione (2010), Modernità e globalizzazione (2009). Dal 2010 cura il programma del Salone dell’Editoria Sociale. Dal 2007 si occupa di Afghanistan, con inchieste, reportage e ricerche accademiche.

Tutte le info nel sito web del festival: www.dedicafestival.it .

 

Thesis Associazione Culturale
tel. 0434 26236 - info@dedicafestival.it
www.dedicafestival.it
Evento realizzato con il sostegno di