SELECT `contenuti`.`titolo`, `contenuti`.`testo`, `contenuti`.`creato_il`, `contenuti`.`allegato`, `categorie`.`alias` AS aliasCat FROM `contenuti` LEFT JOIN `categorie` ON `contenuti`.`id_categoria` = `categorie`.`id` WHERE `categorie`.`alias` = 'ufficio-stampa' AND `contenuti`.`alias` = 'dedica-2019-a-gioconda-belli' AND `contenuti`.`attivo` = '1' AND `contenuti`.`id_lingua` = '1'

Ufficio stampa

CLOSE

DEDICA FESTIVAL - P. IVA 01510360934

23.11.2018
Dedica 2019 a Gioconda Belli Back >>

DEDICA 2019 ALLA SCRITTRICE NICARAGUENSE GIOCONDA BELLI

Pordenone, 9-16 marzo 2019
25a edizione

 

A Gioconda Belli Dedica 2019
Scrittrice, poetessa giornalista, autrice del best seller “la donna abitata” che racconta la storia della sua terra e del suo impegno politico in nome della liberta’ e della giustizia.
Dal 9 al 16 marzo la 25a edizione del festival dell’Associazione Culturale Thesis.
Otto giorni con l’autrice e i temi di cui si nutre il suo universo poetico e narrativo: l’ideale di creare una società più giusta e il Nicaragua di oggi sconvolto dalle proteste contro il regime autoritario, la causa femminista, il desiderio di una vita piena e creativa, la sensualità e la bellezza della maternità, il rapporto fra l’America precolombiana e il Sudamerica di oggi.
Fra incontri, teatro, musica, fotografia e libri.
A Dedica la presentazione in Italia del suo ultimo libro “Le febbri della memoria" (Feltrinelli), in uscita nei primi giorni del festival.
Dal 15 febbraio l’atteso percorso “Aspettando Dedica”.
E torna la promozione “Dedica Natale”.

È Gioconda Belli, nicaraguense, poetessa, giornalista e scrittrice di fama internazionale, autrice del best seller “La donna abitata” che racconta gli anni del suo impegno civile e politico, tradotto in 14 lingue (e ha venduto oltre un milione di copie) la protagonista della 25a edizione di Dedica, in programma a Pordenone dal 9 al 16 marzo 2019, organizzata dall’Associazione Culturale Thesis con la direzione artistica di Claudio Cattaruzza.
Dopo undici anni, e dopo l’edizione 2018 caratterizzata da una straordinaria partecipazione di pubblico, al centro del festival pordenonese, che approda al quarto di secolo, ci sarà di nuovo una donna - l’ultima fu il premio Nobel Nadine Gordimer, nel 2008 – autrice fra le più importanti della letteratura latino-americana. Un’ospite ancora una volta di assoluto prestigio “attraverso la quale, Dedica – afferma Claudio Cattaruzza – porterà all’attenzione del pubblico i tanti temi di cui si nutre l’universo narrativo e poetico di Gioconda Belli: l’impegno politico per una società più libera e giusta, la causa dell’ emancipazione della donna (mai in contrapposizione ma sempre insieme agli uomini), l’universo degli affetti, l’amore per la storia del proprio paese attraverso i rimandi delle suggestioni mistiche dell’America precolombiana, spunto per descrivere l’attualità di un continente che ha visto sfumare nel tempo illusioni e utopie.
Sempre intimamente partecipe della vita politica del suo paese, Gioconda Belli è stata una fra i più autorevoli portavoce della rivoluzione sandinista. Entrata nel FSLN (Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale) nel 1970, partecipò alla resistenza contro una delle più brutali dittature latinoamericane fino al 1975, quando fu costretta a fuggire dal regime di Somoza e a riparare in esilio, prima in Messico e poi in Costa Rica, periodo durante il quale continuò comunque a essere parte attiva nelle comunicazioni e nelle operazioni logistiche. Negli anni successivi, pur avendo preso le distanze dal movimento, il suo impegno per la libertà e per l’equità sociale non è venuto meno e anche oggi che vive fra la California e Managua, si oppone al regime di Daniel Ortega, presidente di un Nicaragua che vive da mesi una crisi tragica, sconvolto dalle proteste (e da oltre 300 morti da aprile a oggi) contro chi si presenta come l'erede della rivoluzione ed è invece accusato di essere alla guida d'un governo autoritario, violento, nepotistico e corrotto.
La presenza di Gioconda Belli a Pordenone permetterà dunque al festival anche di rivolgere, come sempre, lo sguardo all’attualità.

Leggi il Comunicato Stampa allegato.