SELECT `contenuti`.`titolo`, `contenuti`.`testo`, `contenuti`.`creato_il`, `contenuti`.`allegato`, `categorie`.`alias` AS aliasCat FROM `contenuti` LEFT JOIN `categorie` ON `contenuti`.`id_categoria` = `categorie`.`id` WHERE `categorie`.`alias` = 'ufficio-stampa' AND `contenuti`.`alias` = 'domani-si-parla-ancora-di-afghanistan-poi-musica-con-lo-gnu-quartet' AND `contenuti`.`attivo` = '1' AND `contenuti`.`id_lingua` = '1'

Ufficio stampa

CLOSE

DEDICA FESTIVAL - P. IVA 01510360934

15.03.2018
Domani si parla ancora di Afghanistan, poi musica con lo Gnu Quartet Back >>

Ultimi appuntamenti – e intanto quelli già archiviati hanno fatto sempre registrare il tutto esaurito –  fra musica e approfondimenti sull’Afghanistan, per il festival Dedica ad Atiq Rahimi, che chiuderà la 24a edizione sabato con il concerto dello Gnu Quartet.

Intanto, domani, venerdì 16 marzo, alle 20.45, nel Convento di San Francesco, con “Afghanistan: un conflitto senza fine” (l’ingresso è libero), Manlio Graziano, insegnante di geopolitica a Parigi, collaboratore del Corriere della Sera e di Limes, parlerà ancora di Afghanistan, sin dall’Ottocento al centro degli interessi geostrategici delle grandi potenze mondiali e in particolare di quali scenari possono essere ipotizzati per questo paese martoriato.

Sabato, poi, sempre alle 20.45, nel Convento di San Francesco, il gran finale in musica, con il concerto organizzato da Thesis in collaborazione con Sexto Unplugged (biglietti a 15 euro, in vendita nel Teatro Verdi): secondo un’antica leggenda africana, lo Gnu sarebbe il risultato di un incrocio tra diverse specie animali. Anche il rarissimo Gnu italico che dà il nome al gruppo, è frutto di un curioso connubio tra variopinte esperienze. Il risultato “è un animale da palco con il corpo da musicista classico, il cervello da jazzista e le zampe da rockettaro”.

Gli Gnu nascono sotto la stella della P.F.M. al Teatro Nazionale di Milano, nel 2006. Da lì prende il via una serie ininterrotta di avventure catodiche, preziose collaborazioni e progetti originali.

Dall’entusiasmo per la musica senza preconcetti, dall’alchimia di gioia e ricerca, dal virtuosismo della musica colta e il coinvolgimento di quella moderna, cresce un quartetto dal suono originale ed eclettico. Cinque gli album realizzati, con brani originali e rielaborazioni, e le collaborazioni alla realizzazione – in fase di scrittura, arrangiamento o registrazione – di numerosi altri lavori discografici, colonne sonore cinematografiche e sigle televisive, partecipazioni a programmi televisivi e radiofonici e ai grandi festival internazionali.

Nell’estate 2013 sono stati ospiti dei Negramaro a San Siro e all’Olimpico.

Nel 2014 hanno cominciato una nuova collaborazione discografica con Raphael Gualazzi, Zibba, Tiromancino, Antonio Diodato ed Arisa. Con lei è nato un fortunato tour estivo con la band ed un progetto acustico. Nel settembre dello stesso hanno fatto il primo giro completo del mondo con tappe in Messico, California e Corea del Sud.

A testimonianza dell’impegno trasversale dei componenti del gruppo si possono rintracciare le numerose collaborazioni con artisti di ambiti apparentemente lontani: dalla canzone d’autore di Gino Paoli o Niccolò Fabi al rock degli Afterhours, dall’elettronica dei Bloody Beetroots al pop di Dolcenera.

 

INFO
Thesis Associazione Culturale
tel. 0434 26236
info@dedicafestival.it
www.dedicafestival.it

segui DEDICA
su Facebook: Dedica Festival Pordenone
Twitter: @dedicafestival, #dedicarahimi

Ufficio Stampa Pordenone: Cristina Savi (stampa@dedicafestival.it, tel. 335 8214709)
Ufficio Stampa Milano: Mara Vitali Comunicazioni (tel. 02 70108230)