SELECT `contenuti`.`titolo`, `contenuti`.`testo`, `contenuti`.`creato_il`, `contenuti`.`allegato`, `categorie`.`alias` AS aliasCat FROM `contenuti` LEFT JOIN `categorie` ON `contenuti`.`id_categoria` = `categorie`.`id` WHERE `categorie`.`alias` = 'ufficio-stampa' AND `contenuti`.`alias` = 'rinnovato-il-direttivo-di-thesis' AND `contenuti`.`attivo` = '1' AND `contenuti`.`id_lingua` = '1'

Ufficio stampa

CLOSE

DEDICA FESTIVAL - P. IVA 01510360934

28.10.2016
Rinnovato il Direttivo di Thesis Back >>

ANTONINO FRUSTERI E’ IL NUOVO PRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE CULTURALE THESIS DI PORDENONE
RINNOVATO IL CONSIGLIO DIRETTIVO
ALLA DIREZIONE ARTISTICA DEL FESTIVAL DEDICA, MANIFESTAZIONE DI PUNTA NEI PROGRAMMI DELL’ASSOCIAZIONE, TORNA CLAUDIO CATTARUZZA

L’associazione Thesis di Pordenone ha rinnovato il suo direttivo. Alla presidenza è stato eletto Antonino Frusteri – che succede a Gianfranco Verziagi – già nel consiglio dell’associazione dal 2010 e vice presidente della stessa dal 2014. Frusteri, di origine siciliana, pordenonese d’adozione, con un passato lavorativo all’Electrolux, sarà affiancato nel consiglio direttivo da Nevio Alzetta, Annamaria Manfredelli, Wally Furlan e Andrea Visentin.
Novità anche per quanto riguarda la direzione artistica del festival Dedica (nel 2016 curato da Annamaria Manfredelli) che è il fiore all’occhiello delle attività organizzate dall’associazione: torna infatti Claudio Cattaruzza, che ha ideato la rassegna nata nel 1995 in seno all’Associazione per la prosa di Pordenone e l’ha curata fino al 2011 (l’anno in cui fu dedicatario lo scrittore olandese Cees Nooteboom), lasciando allora l’incarico per dedicarsi all’esperienza di assessore alla cultura del Comune di Pordenone, ora conclusa.
Entro novembre sarà annunciato il protagonista della prossima edizione di Dedica. Concentrata in una settimana intensa di spettacoli, conversazioni, cinema, musica, libri, proposte per i più giovani, la rassegna, ormai approdata alla 23a edizione, tonerà a marzo 2017, dopo la fortunata esperienza del 2016 con lo scrittore algerino Yasmina Khadra.
La manifestazione, inserita fra le eccellenze culturali della regione e ancora un unicum nel vivace panorama delle rassegne letterarie italiane, è caratterizzata da una formula fortemente distintiva, che conduce il pubblico a un’immersione nel mondo dell’autore protagonista, attorno al quale ogni edizione costruisce un percorso specifico; un percorso che si fa ogni volta occasione di riflessione organica sulla figura del dedicatario, sui temi e i caratteri della sua produzione letteraria, sul contesto culturale in cui è maturato il suo pensiero.

Dedica ha esordito con protagonisti del teatro di ricerca (nel 1995 il Laboratorio Teatro Settimo, nel 1996 Cesare Lievi, nel 1997 la Compagnia I Magazzini), per poi passare a Moni Ovadia, nel 1999 a Claudio Magris, nel 2000 a Dacia Maraini, nel 2001 ad Antonio Tabucchi, nel 2002 ad Amin Maalouf, nel 2003 a Vassilis Vassilikos, nel 2004 ad Assia Djebar, nel 2005 a Paco Ignacio Taibo II, nel 2006 ad Anita Desai, nel 2007 ad Amos Oz, nel 2008 a Nadine Gordimer, nel 2009 a Paul Auster, nel 2010 a Hans Magnus Enzensberger, nel 2011 a Cees Nooteboom, nel 2012 a Wole Soyinka, nel 2013 a Javier Cercas, nel 2014 a Tahar Ben Jelloun, nel 2015 a Luis Sepúlveda e nel 2016 a Yasmina Khadra.

L’associazione Thesis non è solo Dedica. Nel corso dell’anno cura e organizza altri momenti legati alla letteratura e non solo e da anni, con coinvolgimento e partecipazione crescente, organizza “Adotta uno spettacolo”, il progetto di educazione teatrale promosso in collaborazione con il Teatro Verdi di Pordenone e l’Ente Regionale Teatrale, il sostegno della Fondazione Crup e il patrocinio del Comune di Pordenone. Un progetto che in 18 anni ha coinvolto 27 mila studenti delle scuole superiori di Pordenone e della provincia e che è strumento privilegiato di accostamento al teatro.